Cina a Usa: riunificazione Taiwan è missione sacra. Oggi la telefonata Biden-Jinping

New York, 28 luglio 2022 – Oggi il presidente americano Joe Biden e quello cinese Xi Jinping si sentono al telefono, dopo almeno quattro mesi in cui non si sono registrati contatti tra i due leader. Ma ancora prima dell’appuntamento, la Cina ha puntato il dito su Taiwan, dicendo che la riunificazione dell’isola di Formosa alla Repubblica popolare cinese è una “missione sacra”.

Affermazione che non arriva a caso, visto la disputa in corso sul viaggio che la speaker della Camera Nancy Pelosi vorrebbe fare a Taiwan. Dopo l’annuncio di ieri, Pechino aveva subito avvisato che ci sarebbero state “gravi conseguenze” . Tanto che più forze politiche americane hanno sconsigliato alla speaker di andare a Taiwan e il Pentagono stesso ha fatto sapere che, nel caso, avrebbe aumentato le forze nell’area dell’Indopacifico.

La portaerei Ronald Reagan, tra l’altro, “si trova in viaggio nel Mar cinese meridionale dopo aver concluso con successo la tappa a Singapore”, ha detto il comandante Haley Sims, portavoce della Settima Flotta. “La nave procede con le operazioni di routine e di pattugliamento per mantenere aperte la regione Indo Pacifica”. Questo mentre la Cina, invece, terrà da domani un ciclo di esercitazioni militari di due giorni nelle acque occidentali dello Stretto di Qiongzhou, tra l’isola di Hainan e e la provincia del Guangdong, disponendo il divieto alla navigazione per 11 ore.

Riunificazione di Taiwan: questione di affari interni per la Cina

Le forze armate cinesi promettono “tolleranza zero” verso l’indipendenza dell’isola ritenuta parte “inalienabile” della Repubblica popolare. La questione di Taiwan “riguarda esclusivamente gli affari interni della Cina e non c’è spazio per l’interferenza Usa”, ha detto il portavoce del ministero della Difesa Wu Qian nell’imminenza del colloquio tra i presidenti Xi Jinping e Joe Biden.

Si tratta di un comportamento “pericoloso”, ha aggiunto Wu, parlando nella conferenza stampa mensile virtuale della postura americana, che “avrà un grave impatto sulle relazioni tra i due Paesi e i due eserciti, metterà seriamente a repentaglio la pace e la stabilità dello Stretto di Taiwan e aumenterà gravemente il rischio di scontro militare tra Cina e Stati Uniti”. L’Esercito popolare di liberazione non tollererà alcuna mossa secessionista di “indipendenza di Taiwan” o interferenza di forze esterne e fermerà risolutamente questi tentativi, mentre la riunificazione “è una missione sacra”, ha osservato ancora Wu in risposta all’approvazione della legge sull’autorizzazione alla Difesa americana per l’anno fiscale 2023 per mantenere il sostegno militare a Taiwan.

Read More

Lascia un commento

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: