Evitato un nuovo naufragio di migranti. Salvati in 100 prima che il barcone si rovesciasse

di Alfio Sciacca

I migranti sono stati salvati dalla nave Astral che ha lanciato in mare i giubbotti di salvataggio. Drammatico il racconto dei soccorritori: “non si sa se tutti siano in salvo, a bordo anche una bimba di due anni”

Tragedia sfiorata la scorsa notte nel Mediterraneo. Un’imbarcazione partita dalla costa nord della Libia al confine con la Tunisia con almeno cento persone a bordo è stata soccorsa dalla nave Astral poco prima che si rovesciasse. Gli uomini a bordo dell’Astral sono riusciti a lanciare giubbotti di salvataggio ad oltre cento persone. Poco dopo sul posto è arrivata la nave dell’ong Open Arms che ha subito inviato due moto d’acqua per i primi soccorsi.

Ignorate le richieste di aiuto

Drammatico il racconto della fase del salvataggio, con i migranti che disperatamente si lanciavano ad afferrare i salvagenti. Non è ancora chiaro se tutti i circa cento migranti che erano a bordo del barcone siano stati tratti in salvo. Sulla carretta del mare forse diretta a Lampedusa anche dei minori, pare anche una bambina di 2 anni. Secondo quanto scrive l’Ong su Twitter “le autorità non hanno risposto per diverse ore al mayday dell’imbarcazione con piu’ di 100 persone alla deriva, pur avendo avvertito delle sue gravi condizioni”.

Aggrappati al barcone

Dalle foto del momento dello scampato naufragio si comprende bene la drammaticità di quanto avvenuto la scorsa notte. Si vedono decine di migranti in mare alla disperata ricerca dei giubbotti di salvataggio, mentre altri tentano di restare aggrappati al barcone semirovesciato. Come spesso capita in questi casi molti migranti non sanno nuotare e fino all’ultimo tentano di restare a bordo della carretta del mare con la quale partono per raggiungere le coste siciliane.

25 maggio 2022 (modifica il 25 maggio 2022 | 10:30)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Read More

Lascia un commento

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: